Tag: consapevolezza

Quali memorie per testimoniare?

La psicoanalisi tra narrazione e trauma

“Il cibo dei morti per i vivi” – David Olère 1945

Questo dipinto è un disegno postumo dell’artista che ricorda la sua drammatica esperienza come membro del Sonderkommandodal (2 marzo 1943) fino alla liberazione nel 6 maggio 1945. Il Sonderkommandoera era un gruppo di deportati scelti, soprattutto ebrei, che collaboravano con le autorità del campo. Qui il cibo che rappresenta l’unico nutrimento e fonte di sopravvivenza, ogni altro bisogno che richiamasse la dimensione umana fu negato. Ci si chiede, dunque, quale cibo simbolico, quale nutrimento possa arrivare, intatto, per essere consumato oggi e se questo sia realmente “digeribile” per una società che spesso ha voluto dimenticare. La questione è se “il cibo dei morti sfamerà i vivi”, se ciò che fu negato allora servirà per nutrire una narrazione della dignità umana e della sofferenza, speranza che non vanifichi il più umile e tormentato dei respiri.

Questo pensiero si lega, in una direzione psicoanalitica, al tema del conservare e del tramandare, assieme agli effetti potenti della restituzione del trauma. Diverse le accezioni nel tempo, da quella classica freudiana come “rottura di una barriera protettiva” (Freud, 1920) al “trauma relazionale precoce” citato da A. Schore che richiama lo stesso “trauma cumulativo” di Masud Khan (1963). Alcuni autori come Walker e van der Kolk hanno invece approfondito una certa passività nelle vittime, parlando di “learned helplessness” (impotenza appresa). A tal proposito risuonano forti le parole dello scrittore ebreo-russo Vasilij Grossman, citato nel testo di C. Mucci “Trauma e perdono. Una prospettiva psicoanalitica intergenerazionale” :

Auschwitz II-Birkenau: colonna di deportati in cammino verso il Krematorium III in funzione di David Olère, 1945

Uno dei tratti più stupefacenti della natura umana che affiorò in quegli anni fu la remissività. Ci furono casi in cui in prossimità del patibolo si formavano code lunghissime che le vittime stesse provvedevano a regolare […]. Certo, qualcuno si oppose, qualcuno tra i condannati mostrò coraggio e tenacia, ci furono delle sommosse, alcuni misero a repentaglio la propria vita e quella dei propri cari pur di salvare persone che si conoscevano appena o non conoscevano affatto. E tuttavia la remissività della massa resta un fatto inconfutabile. Che cosa ne deduciamo? Un nuovo tratto della natura umana? No. Piuttosto un nuovo modo tremendo di plagiare gli esseri umani. La violenza estrema dei sistemi totalitari si è mostrata capace di paralizzare i cuori su interi continenti” (Grossman, 1980).

Il “trauma sociale massivo” è così definito perché derivante da esperienze di devastazione; l’aspetto centrale è dato da un’azione non causata da un singolo individuo ma da una collettività organizzata “per fare il male”. Lifton (1999) sosteneva che “quando i soggetti soffrono a causa di un disastro naturale tendono ad accettare l’evento come parte del loro destino”. Nel testo della Mucci (p.63) ci si chiede invece: Cosa succede quando il trauma è massivo, quando, come scrive Ilse Grubrich-Simitis, viene realizzato “un universo psicotico, come è accaduto per la Shoah? In questo caso si assiste alla rottura di tutti i legami familiari, alla perdita dell’ambiente socioculturale e domestico, alla costante angoscia da separazione, a tortura e assassini. Questo contribuisce all’eliminazione di ogni forma di dignità ed identità personale, la riduzione a numero insignificante, a “Figuren” per citare il linguaggio nazista.

Un tale meccanismo consente all’Altro, in modo intenzionale o “comandato” ( per un approfondimento sul tema “La banalità del male” – Hanna Arendt, 1963) di sterminare “facilmente e senza rimorso” uomini, donne, anziani e bambini senza distinzione. L’assistere, quotidianamente, alla negazione dell’umanità porterà Primo Levi ne “I sommersi e i salvati “ (1986) a formulare la domanda irrisolta e collettiva “Warum”? ( Perché?)

“Ammissione a Mauthausen” – D. Olère (1945)

Come si apprende dal testo della Prof.ssa Mucci la psicoanalisi può fungere da strumento per la narrazione, per la testimonianza, per permettere un compito impossibile: ricordare e narrare ciò che rappresenta l’indicibile, il non pensabile. Questo compito si estende, proprio come il vissuto di trauma concreto e simbolico, tra tre diverse generazioni, ognuna legata ai propri silenzi, sogni traumatici, tentativi di ricostruzione. Quindi “perché la narrazione della storia (del trauma) è così importante e davvero determinante per la guarigione?”

Secondo Sue Grand, l’esperienza traumatica può essere vista come un momento progressivo “dal non linguistico al linguistico, dalla frammentazione alla coesione, e dalla solitudine alla reciprocità” (Grand, 2000, p.37). La terapia tenta questo straordinario rimettere insieme i pezzi, tra Io e tu, tra vita e morte, dopo le esperienze più atroci. Come sostiene Dori Laub, “nel trauma è il legame fondamentale tra me e l’altro che è andato perduto, ed è proprio quello che la terapia tenta di risanare”. Vari studi dimostrano oggi come sia la comunicazione tra i due emisferi destri (si veda A. Schore) di paziente e terapeuta a funzionare nello scambio terapeutico e a fare la differenza. In questo caso non c’è interpretazione che tenga, l’atto principale che può salvare è dato dalla costruzione della relazione.

Concludendo come direbbe Janet (1925) “la memoria è l’azione di raccontare una storia”, una storia di milioni di respiri (negati) che rifiutano la sentenza e non la domanda: “Warum”?


” Coltivare la memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l’indifferenza e ci aiuta, in un mondo così pieno di ingiustizie e di sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi ha una coscienza e la può usare”
Liliana Segre

Articolo a cura del Dott. Gianluca Rossini

Psicologo

Per approfondire

  • C. Mucci “ Trauma e perdono. Una prospettiva psicoanalitica intergenerazionale” Ed. Cortina (2014)
  • V. E. Frankl “L’uomo in cerca di senso. Uno psicologo nei lager e altri scritti inediti” Ed. Franco Angeli (2017)
  • B. van der Kolk “Il corpo accusa il colpo. Mente, corpo e cervello nell’elaborazione delle memorie traumatiche” Ed. Cortina (2015)
  • H. Arendt “La banalità del male” Ed. Feltrinelli (2019)
  • L. Segre “La memoria rende liberi. La vita interrotta di una bambina nella Shoah” Ed. Bur (2015) 
  • P. Levi “Se questo è un uomo” Ed. Einaudi (2014)

consapevolezza, cura, relazione, violenza

Donne vittime di tratta
Parole in viaggio

Illustrazione di Guen Ravazzoni del Libro “E sono andata via” di “Il viandante editore”

Opportunità. Lascio il mio paese semplicemente per questa parola. Il mio paese è bello, vivevo con i nonni in campagna, ma un’amica benestante di mia zia aveva bisogno di me all’estero e io ho accettato. ‘Estero’ è una parola che affascina e spaventa, ha due volti. Io, ho incontrato quello sbagliato.

Penso all’aereo che devo prendere, all’esotico, alla parola opportunità. Una settimana di cambi di autobus, di incertezza e di polvere, mi ritrovo vicino la Libia, delle persone con un copricapo iniziano a smistarci. Mi addormento, distrutta.

consapevolezza, cura, migranti, psicologia, psicoterapia, violenza, vittima di tratta

Continua a leggere

Nomofobia
Tecnologia, genitori,figli

La Nomofobia (dall’inglese no-mobile phobia) è definita sindrome della disconnessione, ovvero la paura e la forte ansia di rimanere fuori dal contatto con la rete mobile, di non essere più “connessi”.

In Italia più del 93% degli over 18 possiede uno smartphone, il 75% comunica attraverso WhatsApp e il 69% condivide quotidianamente foto e video.

adolescenza, connessione, consapevolezza, dipendenza, figli, genitori, genitorialità, nomofobia, psicologia, relazione, smartphone, tecnologia

Continua a leggere

Lo stigma della depressione
Il caso Marco Bellavia al GFVip

In questi giorni hanno creato molto scalpore le vicende che coinvolgono Marco Bellavia e il manifestarsi di sintomatologie depressive all’interno del Grande Fratello Vip. Il noto programma televisivo ci conferma ancora una volta quanti enormi pregiudizi ci siano intorno alle patologie mentali, in special luogo sulla depressione.

consapevolezza, Depressione, gfvip, malattia mentale, marco bellavia, pregiudizi, psicologia, psicoterapia, stigma

Continua a leggere

La danza
Il gioco della trasformazione

“L’estro mi spinge a narrare di forme mutate in corpi nuovi” – Ovidio (in Metamorfosi)

“Protagonista è la danza, con il suo potere ancestrale di trasfigurare i corpi nella trance, nella vivida coscienza collettiva di un’intima interconnessione, come in un respiro cosmico” – Vincenzo Bellia

animali, arteterapia, ballare, benessere, consapevolezza, coreografia, cura, danza, danzamovimentoterapia, esperienza emozionale., giocodanza, psicologia, trasformazione

Continua a leggere

Sul Dialogo interiore
Dare senso alla vita

Quando ci interfacciamo alla psicologia e tutto ciò che concerne il funzionamento mentale, è ancora molto comune imbattersi in un approccio sintomatologico, anche e soprattutto fra le persone non addette ai lavori.

amore, bambini interiore, consapevolezza, cura, curiostià compassionevole, dialogo interiore, psicologia, psicoterapia

Continua a leggere

Vivere come Proserpina tra inverno e primavera
“Morte e resurrezione” del soggetto maniaco-depressivo


“Lascia che il sole del mattino scaldi Il tuo cuore quando sei giovane
E lascia che i venti leggeri del mezzogiorno
temperino la tua passione
Ma attento alla notte
Perché lì è in agguato la morte
che aspetta, aspetta, aspetta”

Arthur Rimbaud, Una stagione all’Inferno (Addio), 1873

bipolare, consapevolezza, Depressione, mitologia, psicoterapia, umore

Continua a leggere

Sono davvero “desiderabile”?
Il mate value come bilancia tra fedeltà e infedeltà

io so’ n’guerriero che sta riposanno
dopo che ha rivortato mezzo monno
ma ormai c'ho er doppio petto e la cravatta
n'do voi che vada viè, nun fa la matta
tu ormai pe'me sei l'ultima occasione
sei giovane, sei bella e me stai bene, te pare poco dì
te pare poco, nun devi avè paura io nun gioco
io qui sto rilassato e chi se move
fuori fa pure freddo e come piove

benessere, consapevolezza, coppia, relazione

Continua a leggere

Stealthing
Un abuso mascherato

Lo stealthing, dall’inglese traducibile in “farlo di nascosto”, è una pratica in cui l’uomo, durante il rapporto sessuale, sfila il preservativo di nascosto alla propria partner.

abuso, amore, benessere, condom, consapevolezza, consenso, coppia, preservativo, psicologia, psicoterapia, relazione, relazioni, rischio, Sesso, Stealthing, violenza

Continua a leggere

Consapevolezza dentro e fuori
La mindfulness nelle relazioni con gli altri

​Copyright immagine: Trattato di anatomia emozionale dagli studi di Melanio da Colia 

“Le nuvole bianche sopra di me si fermano e il mandorlo fiorisce nel mio cuore”

“Mi sento ancorata al centro del mio corpo, c’è molta calma dentro e intorno tutto scorre senza travolgermi”

“ Posso accorgermi del momento in cui una foglia si stacca lieve dal ramo e silenziosamente ondeggia verso terra. Posandosi, produce un frastuono dentro al petto. Come si può non udire?”

consapevolezza, Mindfluness, relazioni, respirazione

Continua a leggere

  • 1
  • 2

Contattaci

Newsletter


Seguici


I contenuti presenti sul blog "ilsigarodifreud.com" dei quali sono autori i proprietari del sito non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti agli autori stessi.  E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.  E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dagli autori.


Copyright © 2010 - 2022 ilsigarodifreud.it by Giulia Radi. All rights reserved - Privacy Policy - Design by Cali Agency